La voglia prende forma

Image

La voglia prende forma

Dopo tre giorni senza internet sul telefonino (grazie Flavio) oggi comincia una nuova settimana tre 🙂
Vi ricordate dei fagioli americani cotti al forno ( vedi pianta di fagioli) ? Ho fatto una ricetta buonissima e velocissima ieri .
All’Esselunga una lattina di Heinz Baked Beans costa 2,95€ ma ci valgono tutti:-)
Prima di tutto ho fatto il risotto allo zafferano :

Tritate finemente in po’ di cipolla, fattela appassire a fuoco basso con 40gr d’olio in una casseruola. Aggiungete 400gr di riso e lasciatelo tostare, bagnatelo con 100ml di vino bianco e lasciatelo evaporare mescolando.
Intanto in una pentola con 900grammi d’acqua avrete messo un dado di brodo che verserete poco alla volta nella casseruola con il riso fino a quando non si assorbe completamente. Aggiungere 2 bustine di zafferano e mescolare lentamente. La cottura e’ quella del riso, verso la fine aggiungere 20grammi di burro e parmigiano a piacere.

Ora prendete una teglia per dolci quella con il buco al centro (antiaderente) versateci dentro il risotto e lasciatelo raffreddare.

Ora serviranno un 400grammi di carne macinata, 2 uova, un po’ di sale, parmigiano( almeno 70 grammi ) e, se vi piace, un po’ di pepe. Impastate il tutto e fate tante polpettine 🙂

Ora è la volta dei buonissimi Heinz. Aprite 3 scatole e versatele in una bella pentola, riempite le 3 scatole con dell’acqua e versate il contenuto nei fagioli, aggiustate di sale e fate cuocere a fuoco bassissimo le polpettine in questa zuppa di fagioli.

Io non messo olio ne’ peperoncino, ma naturalmente lasciate andare la vostra fantasia.

Gli Heinz sono dolcissimi e vanno cotti poco giusto il tempo della cottura delle polpette:-)

Quando il risotto si sarà raffreddato girate la forma in un piatto circolare da portata, verrà fuori una ciambella di riso:-)

Aggiungete nel buco ed ai lati della vostra ciambella i fagioli con le polpettine e servite:-)

I miei amici hanno gradito, per non parlare di Thomas che mi ha fatto divorare due porzioni…. Quasi dimenticavo il Napoli ha anche vinto 😉

Advertisements

Pasta e formaggino

Image

Pasta e formaggino

Non preoccupatevi non voglio certo darvi la ricetta di pasta e formaggino, ma voglio dedicare questo post a quello che evoca pasta e formaggino. Voglio dedicare questo post alla mia amica di un tempo, Alessandra, voglio dedicare questo post a mamma che ci cucinava pasta e formaggino.
Alessandra abitava al piano di sotto e noi giocavamo sempre assieme, con le barbie. Mi ricordo perfettamente l’odore che c’era nella sua stanza, odore di pulito, di biancheria appena lavata. Spesso parlavamo dal balcone, poi andavamo in bicicletta e ci piaceva Eros Ramazzotti. Mia madre cucinava per noi pasta e formaggino ed, ancora oggi e’ la minestrina facile e veloce che mi piace di più. Anche stasera l’ho preparata, anche a Thomas piace.
I formaggini sono i Mio, ma credo che mamma usasse i Susanna all’epoca. Almeno due che si sciolgono con un po’ dell’acqua che bolle della pasta.
Stasera ho usato gli spaghetti spezzati, ma con Ale erano coccinelle, farfalline, risoni.
Alessandra vive a Livorno ed ha due figli bellissimi.
Mia mamma vive a Napoli.
Vorrei che un giorno Thomas trovi il suo amichetto del cuore ed io gli cucinerò pasta e formaggino.
Per tutti quelli che hanno avuto l’amichetto/a del cuore, dov’è ora ?
Per tutti quelli che hanno la mamma lontana…

Biscotti di pasta frolla

Image

Biscotti di pasta frolla

Finalmente ho comprato le formine per fare i biscotti di pasta frolla, prima usavo il tappo della bottiglia dell’olio e venivano bene, tondi tondi; però ci voleva un sacco di tempo perché molto più piccoli 🙂
A voi la ricetta, semplicissima :

– 4 tuorli d’uovo
– 250 grammi di burro
– 200 grammi di zucchero a velo
– 500 grammi di farina 00
– 1 bustina di vanillina
– 1 buccia di un limone grattugiato

180^ gradi per circa 30 minuti

Se non avete il magico bimbi o un frullatore elettrico non disperate, due fruste elettriche saranno sufficienti per frullare la farina con il burro freddo di frigo tagliato a rondelle. Rimarranno dei grumi ma poi c’è da usare olio di gomito, aggiungere i tuorli, lo zucchero a velo, e tutti gli ingredienti. Impastare finché non otteniamo una palla malleabile ed avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare in frigo per almeno una mezz’oretta.
Preparate il tavolo da lavoro: cospargetelo di farina e srotolateci il mattarello.

Prendete un po’ dell’impasto e stendetelo di un mezzo centimetro e poi divertitevi a fare le forme più strane 🙂

Io li adagio sulla carta forno così evito di imburrare la teglia;-)

Per questi biscotti ho aggiunto anche un po’ di cacao amaro ad una parte d’impasto così quelli che vedete in foto più scuri non sono bruciati, ma al cioccolato:-)

Se vi piace cospargeteli di zucchero a velo, io non ne metto perché al mio compagno non piace:-*

Insonnia in gravidanza

Mi sveglio almeno due volte durante le mie notti per  fare la plin plin, la mattina mi sveglio con calma, dormo bene, qualche volta ricordo anche i sogni, pure quelli dove partorisco femminuccie dagli occhi viola :-0 stanotte no. Sono proprio insonne. Sono andata ( circa un’ora fa) a fare la mia plin plin, una coccinella impazzita volava attorno alla lampadina ( dobbiamo ancora comprare i lampadari), ma prima di capire che fosse un insetto porta fortuna mi è salito il cuore in gola, Thomas si sarà svegliato e sono uscita di corsa dal bagno senza sturare;-) . Così mi sono messa a chattare con Angela dall’altra parte del mondo (New York) a 3 gradi, poi mi sono stesa sul divano e… Scrivo , condivido. Chi ha metodi contro l’insonnia? Io no di certo. Forse bisogna godersela, anche l’insonnia. È come avere tutte le 24 ore a disposizione…..quasi mi metterei ad impastare, pane o biscotti, plastilina….qualcosa….intanto buona notte a chi dorme, buona insonnia a chi no :-*